31/10/13

Banana and Nutella Sandwich



Qualche giorno fa mi sono imbattuta per caso in un sito dove si parla dei gusti alimentari del grande Elvis Presley e qui ho scoperto la sua grande passione per il burro di arachidi e i sandwich fritti alla banana cosi' ieri sono uscita e ho comperato un vasetto di burro di arachidi intenzionata a provare questa specialita' (lui aggiungeva anche il bacon fritto). Poco fa stavo per iniziare a spalmare il burro di arachidi sulle fette di pane quando ho improvvisamente cambiato idea e al posto del burro ho spalmato la Nutella. Volevo svenire dal piacere! Per preparare questi sandwich...

HO:
 

1) spalmato con la Nutella due fette di pane integrale
2) tagliato a sottili rondelle mezza banana (a gusto si puo' tagliare anche piu' grossa) e adagiata su una delle due fette di pane
3) coperto la banana con l'altra fetta di pane

4) sciolto una noce di burro in una padella antiaderente 
5) fritto il sandwich voltandolo un paio di volte
6) asciugato con della carta da cucina

30/10/13

The Whole Wheat Sponge Cakes (le torte spugnose alla farina integrale)


Confesso di non aver mai provato ad usare la farina integrale per fare dolci e confesso che se non me ne fosse stato regalato un sacchetto forse avrei fatto passare del tempo prima di decidermi a provarla. E avrei fatto male! Perche' il risultato e' stato ottimo sia come resa che come sapore. Ho volute fare due dolci diversi utilizzando lo stesso impasto, semplicemente aggiungendo alcuni ingredient ad uno ed altri all'altro. Ho voluto anche sperimentare la regola del "peso della uova uguale a peso degli altri ingredienti" e devo dire che ha funzionato a meraviglia. Quindi...


HO:

1)  pesato 4 uova con il guscio che diventera' il valore da associare agli altri ingredienti
2) rotto le uova in una terrina e frullate da sole con un pizzico di sale fino a che saranno schiumose
3) messo in una bacinella del burro fuso, dello zucchero, della farina integrale, mezzo bicchiere di latte e mescolato il tutto con le fruste elettriche
4) aggiunto le uova e mescolato ancora per un po'
5) messo meta' dell'impasto in una tortiera da 20cm di diametro coprendo la superficie con delle fettine di mela
6) aggiunto delle scorzette d'arancia candita e delle gocce di cioccolato al rimanente impasto e messo in una seconda tortiera sempre di 20cm di diametro
7) cotto le torte assieme per circa 50 minuti a 180gradi
8) lasciate riposare per cinque minuti a forno spento e semiaperto
8) sciolto a microonde della marmellata di albicocca e spennellata sulla torta con le mele
9) spolverizzato con zucchero a velo quella con arancia e cioccolato

24/10/13

La Marmellata di Limoni e Lime


Ho iniziato a soggiornare a Londra fin dal lontano 2001 e da allora la mia marmellata preferita e' sempre rimasta quella di limoni. Ricordo che ogni volta che rientravo poi in Italia portavo con me qualche vaso della piu' rinomata e spettacolare "Rose's". 
Tempo fa ho voluto provare a farmela da me con buoni risultati. Non e' stato un duro lavoro, e' una marmellata semplice che ha bisogno solo di qualche accuratezza per non farle prendere il classico sapore amaro della parte bianca della buccia dei limoni quindi per prepararla...

HO:

1) messo a bagno per qualche ora circa 600gr di limoni non trattati e 4 lime punzecchiando la buccia con una forchetta
2) tagliato in due i limoni e i lime, spremuti e raccolto accuratamente tutto il succo 
3) avvolto i semi della frutta in un quadrato di tela bianca
4) tagliato a listarelle sottili le scorze avendo cura di eliminare la parte bianca e messe in una casseruola insieme al succo e al sacchetto di garza con i semi 
5) aggiunto 2 litri di acqua
6) messo la casseruola sul fuoco e lasciato cuocere per circa 120 minuti, portando a ebollizione il preparato a fuoco moderato
7) spento la fiamma non appena le scorze di limone e lime sono apparse tenere, tolto dalla casseruola il sacchetto di tela avendo cura di spremerlo bene ed aggiunto 500gr di zucchero* mescolato a lungo fino ad ottenere un composto omogeneo
8) messo nuovamente la casseruola sul fuoco e riportato a bollore mantenendolo fino a che il composto ha raggiunto la consistenza adeguata**
9) lasciato raffreddare leggermente per qualche minuto ed invasato

* personalmente ho usato il Jam sugar che contiene gia' la pectina, non so se in Italia esiste un simile zucchero quindi nel caso utilizzare il classico zucchero bianco aggiungendo la pectina
** per accertarsi della giusta consistenza fare la solita "prova piattino" gia' lungamente spiegata in ogni mia ricetta di marmellate


15/10/13

Crash Hot Potatoes


Adoro le patate!  Non c’è alimento più versatile della patata: base per diverse ricette e preparazioni oppure ottima da consumare anche da sola. Un paio di giorni fa, cercando sempre nuove ricette, mi sono imbattuta in questa che sembrerebbe sia stata "creata" da uno scrittore australiano, certo Jill Dupleix.
Crash Hot Potatoes è una bella rivisitazione delle vecchie solite patate al forno. Sono la perfetta combinazione di croccantezza, sapore e semplicita' che per realizzarle...

HO:

1) messo a bollire per circa 20 minuti delle piccole patate fino a quando infilzandole con uno spiedino questo riesca ad entrare senza troppa resistenza 
2) preriscaldato il forno 250C
3) scolato le patate e disposte su una teglia coperta da un foglio di carta forno leggermente oliata
4) appiattito ogni patata con uno schiacciapatate fino a quando raddoppia il suo diametro originale.
5) spennellato la parte superiore con olio d'oliva, cospargendo con sale marino grosso, rosmarino e timo.
6) cotto sul ripiano superiore del forno per 20-25 minuti fino a che sono risultate croccanti e dorate in superficie  




11/10/13

Strawberry Jam (La Marmellata di Fragole)


Ora voglio sfatare il mito che Londra e' cara, che qui le cose costano molto. Costa sicuramente la zona turistica ma nei quartieri popolari, quelli dove vive la gente che lavora, si trova merce ed alimenti a costo inferiore rispetto all' Italia. Nei mercati la frutta oltre ad essere molto buona e' anche poco cara. Ieri ho comperato otto grosse prugne viola per una sterlina, i frutti di bosco ne davano una vaschetta per una sterlina e le fragole tre vaschette per una sterlina . Ne ho prese molte vaschette per un totale di 5kg e nel cafe' dove lavoro ho preparato la Jam di Fragole. Voglio specificare che qui in UK la Jam, la Jelly e la Marmalade sono tre cose differenti tra di loro. La Jam e' un mix di frutta, pectina e zucchero che viene fatta bollire delicatamente ma rapidamente, la Jelly è fatta con zucchero, pectina, succo di limone e solo il succo della frutta, la Marmalade invece contiene oltre alla polpa anche la buccia della frutta e qui e' il piu' delle volte fatta con limoni o arance. Con 5kg di fragole sono usciti 35 vasetti piccoli che per realizzarli...

HO:

1) pulito, lavato e tagliato in due le fragole
2) messe in un contenitore in vetro (non utilizzare mai metalli) e aggiunto la meta' del peso di zucchero
3) lasciate a macerare in frigo per tutta la notte coperte con della pellicola
4) messo un piattino in freezer*
5) versato in una capiente pentola** le fragole con il succo che si e' naturalmente formato e il succo di un limone, portato il tutto a bollore e lasciato cuocere a fiamma moderata per circa 30 minuti aggiungendo una noce di burro quando il composto iniziava a schiumare
4) controllato la giusta consistenza facendo la "prova piattino" descritta qui sotto
5) invasato in vasi precedentemente sterilizzati in forno***


*mettere un piattino all'interno del freezer. Dopo circa 30 minuti di cottura si pegne il fuoco e si deposita un cuchiaino di marmellata calda sul piattino freddo. Una volta fredda, spingere la marmellata con il dito. Se si stropiccia un po' e forma delle "rughe" vuol dire che è pronta e ha raggiunto la giusta consistenza. Se è troppo liquida non produce "rughe" quindi rimettere il tegame sul fuoco e far bollire ancora per qualche minuto e rifare il controllo piattino fino a che risulteranno le grinze sulla marmellata.

**utilizzare una capiente pentola perche' durante la fase iniziale di bollitura il prodotto aumenta di volume e si rischierebbero spiacevoli fuoriuscite di liquido bollente

***qui spiego la procedura della sterilizzazione